Matrimoni in Polinesia

     

La Polinesia francese si è aperta solo dal 2010 ai matrimoni riservati agli stranieri: quelle che prima erano solo cerimonie celebrative (molto scenografiche, ma senza alcuna validità) sono ora diventate valide a tutti gli effetti civili anche per gli italiani e gli stranieri in generale. Attenzione però che per avere validità il matrimonio deve avvenire in Comune, quindi si perde molto della scenografia tipica di queste meravigliose isole. Viaggidinozze.net offre quindi la possibilità di una doppia cerimonia: prima in spiaggia, per mantenere inalterato il sogno del matrimonio a due passi dal mare, quindi nella casa comunale, dove verranno firmati invece i registri civili alla presenza di un nostro rappresentante che funge anche da traduttore giurato.

Per poter celebrare un matrimonio civile in una qualsiasi delle isole della Polinesia francese è necessario preparare e inviarci con congruo anticipo alcuni documenti:

- Una lettera datata e firmata da entrambi i futuri sposi, indirizzata al Sindaco del comune scelto per la cerimonia matrimoniale (modello della lettera in allegato)
- Il modulo “Matrimonio di cittadini stranieri in Polinesia Francese” debitamente compilato
- Prova dell’identità di entrambi i futuri sposi: copia del passaporto
- Copia completa del Certificato di Nascita di entrambi gli sposi: i certificati devono essere stati emessi non prima di sei mesi dalla data del matrimonio. Se emessi da un’autorità straniera, i certificati devono essere tradotti e autenticati in conformità con le disposizioni del paese di emissione.
- All’occorrenza, il certificato di morte del/la precedente sposo/a per vedove o vedovi: il certificato deve essere tradotto e autenticato in conformità con le disposizioni del paese d’origine degli sposi.
- All’occorenza, un certificato che attesti l’essere celibe, nubile o divorziato, o comunque che attesti il libero status per potersi sposare: il certificato deve essere tradotto e autenticato.
- All’occorrenza, il contratto matrimoniale o un certificato notarile se gli sposi hanno stipulato un contratto matrimoniale, tradotto e autenticato se redatto all’estero.

Non è richiesta né la residenza né particolari procedure legali, ma il tutto deve essere ovviamente autorizzato dall’ufficiale civile locale. Meglio quindi appoggiarsi ad un tour operator come gli specialisti di www.viaggidinozze.net che seguiranno per voi tutta la pratica, garantendovi il matrimonio che verrà registrato nel comune di residenza una volta rientrati in Italia.

Le cerimonie, grazie all’organizzazione che in loco coinvolge gran parte dell’hotel che vi ospita, varia molto a seconda dell’allestimento richiesto, ma include sempre una bellissima scenografia floreale e l’accompagnamento di suonatori locali. Molto richiesto anche l’arrivo in barca della sposa, così come i famosi tatuaggi locali (anche solo all’ennè, non definitivi!) atti a siglare ancor più l’unione della coppia. I costi variano molto a seconda del pacchetto richiesto, ma indicativamente si aggirano intorno ai 1000/1500 euro a coppia (incluso un traduttore che deve essere presente durante la celebrazione), per una cerimonia davvero da ricordare per sempre!

Per la vostra cerimonia contattate Luca Mantegazza alias Mister Wedding (massimo esperto italiano di matrimoni all´estero, email info@misterwedding.it) per ogni informazione sui matrimoni in Polinesia (ma anche alle Cook e alle Fiji) specificando ogni informazione utile a costruire per voi il viaggio con matrimonio ideale!

              

I cookie ci aiutano a fornire meglio i nostri servizi. Proseguendo nella navigazione si accetta quindi l´utilizzo dei cookie. Dettagli e info: Privacy